Terapia chirurgica del reflusso gastro-esofageo e delle ernie iatali

Descrizione

La chirurgia della malattia del reflusso g. e dell’ernia iatale è sempre simultanea e si basa sugli stessi principi.

A chi si rivolge

La terapia chirurgica è riservata ai pazienti con malattia da reflusso gastroesofageo e/o ernia gastrica hiatale, secondo precise indicazioni.

Quali indicazioni

La chirurgia per il trattamento del reflusso gastroesofageo è riservata a pazienti che non rispondono all’azione dei farmaci, pazienti che non sono in grado di tollerare una terapia farmacologica a lungo termine, pazienti che richiedono dosaggi elevati dei farmaci,  pazienti troppo giovani per una terapia farmacologica che si prolunghi per tutta la vita. La coesistenza di severa malattia da reflusso gastro-esofageo e della posizione intratoracica della giunzione esofago-gastrica all’esame radiologico può costituire una valida indicazione per la chirurgia, che sola può permanentemente risolvere la causa anatomica della incontinenza cardiale soprattutto nei pazienti con buona aspettativa di vita ( età < 65 anni).

Le ernie hiatali di grandi dimensioni, in particolare quelle fisse nel torace, costituiscono indicazione precisa alla chirurgia  , in assenza di severe co morbilità; per queste particolari alterazioni anatomiche la chirurgia ha scopo terapeutico in presenza di sintomatologia severa ma anche a scopo profilattico poiché nel tempo si possono verificare complicanze serie, particolarmente in età avanzata quando la chirurgia in urgenza è gravata da elevate morbilità e mortalità.

Come si svolge

La tecnica chirurgica utilizzata attualmente è la chirurgia laparoscopica mediante cinque piccole incisioni. L’intervento si propone di ricostituire una barriera efficace tra stomaco ed esofago, evitando il contatto tra contenuto gastrico ed esofago.

Questa barriera viene ottenuta avvolgendo parte dello stomaco attorno alla giunzione esofago-gastrica. Per accertare la presenza del brachiesofago si procede in fase intraoperatoria alla misurazione della lunghezza del tratto intra-addominale dell’esofago mediante un apposito misuratore ideato specificatamente per questo scopo.

La misurazione viene effettuata prima e dopo mobilizzazione dell’esofago mediastinico. Se dopo massima mobilizzazione dell’esofago mediastinico la lunghezza del tratto intra-addominale dell’esofago è inferiore a 1.5 cm viene effettuata la gastroplastica di allungamento secondo Collis.

Viene creato un neo esofago tubulizzando il fondo gastrico mediante l’utilizzo di una suturatrice lineare, sulla guida di un dilatatore posizionato precedentemente in esofago. La plastica antireflusso secondo Nissen viene effettuata attorno al neo esofago. L’intervento viene eseguito con tecnica mini-invasiva laparo-toracoscopica.

Preparazione all’intervento

Verranno effettuati gli esami emato-chimici preoperatori, RX Torace, ECG, in casi particolari la valutazione cardiologica e pneumologica,  la visita anestesiologica. E’ necessario essere a digiuno da almeno 6 ore.

Post-operatorio

Viene effettuata una mobilizzazione precoce e la ripresa della alimentazione a cibi semiliquidi e semisolidi il giorno dopo l’intervento. Il controllo radiologico con mezzo di contrasto viene effettuato prima della dimissione per controllare la “tenuta” della plastica.

La dimissione in assenza di complicanze avviene dopo 3 giorni dall’intervento.

Per quanto riguarda l’intervento di Collis-Nissen la dimissione in assenza di complicanze avviene dopo circa 5 giorni dall’intervento.

Vantaggi

I vantaggi della tecnica laparoscopica sono costituiti dalla  precoce mobilizzazione, rapida ripresa dell'alimentazione orale, ridotto dolore postoperatorio, precoce ripresa delle normali attività. I risultati soddisfacenti a lungo termine sono superiori al 90%.

Le principali pubblicazioni 

Collis-Nissen gastroplasty for short oesophagus.
Mattioli S, Lugaresi M, Ruffato A, Daddi N, Di Simone MP, Perrone O, Brusori S.
Multimed Man Cardiothorac Surg. 2015 Nov 18;2015. pii: mmv032. doi: 10.1093/mmcts/mmv032. Print 2015.

Results of left thoracoscopic Collis gastroplasty with laparoscopic Nissen fundoplication for the surgical treatment of true short oesophagus in gastro-oesophageal reflux disease and Type III-IV hiatal hernia.
Lugaresi M, Mattioli B, Perrone O, Daddi N, Di Simone MP, Mattioli S.
Eur J Cardiothorac Surg. 2016 Jan;49(1):e22-30. doi: 10.1093/ejcts/ezv381. Epub 2015 Oct 29.

Surgery for Type III-IV hiatal hernia: anatomical recurrence and global results after elective treatment of short oesophagus with open and minimally invasive surgery.
Lugaresi M, Mattioli B, Daddi N, Di Simone MP, Perrone O, Mattioli S.
Eur J Cardiothorac Surg. 2016 Apr;49(4):1137-43. doi: 10.1093/ejcts/ezv280. Epub 2015 Sep 16.

Effectiveness of antireflux surgery for the cure of chronic cough associated with gastroesophageal reflux disease.
Lugaresi M, Aramini B, Daddi N, Baldi F, Mattioli S.
World J Surg. 2015 Jan;39(1):208-15. doi: 10.1007/s00268-014-2769-7.

The frequency of true short oesophagus in type II-IV hiatal hernia.
Lugaresi M, Mattioli S, Aramini B, D'Ovidio F, Di Simone MP, Perrone O.
Eur J Cardiothorac Surg. 2013 Feb;43(2):e30-6. doi: 10.1093/ejcts/ezs602. Epub 2012 Nov 27.

Prevalence and clinical picture of gastroesophageal prolapse in gastroesophageal reflux disease.
Aramini B, Mattioli S, Lugaresi M, Brusori S, Di Simone MP, D'Ovidio F.
Dis Esophagus. 2012 Aug;25(6):491-7. doi: 10.1111/j.1442-2050.2011.01280.x. Epub 2011 Nov 21.

The short esophagus: intraoperative assessment of esophageal length.
Mattioli S, Lugaresi ML, Costantini M, Del Genio A, Di Martino N, Fei L, Fumagalli U, Maffettone V, Monaco L, Morino M, Rebecchi F, Rosati R, Rossi M, Santi S, Trapani V, Zaninotto G.
J Thorac Cardiovasc Surg. 2008 Oct;136(4):834-41. doi: 10.1016/j.jtcvs.2008.06.008. Erratum in: J Thorac Cardiovasc Surg. 2008 Dec;136(6):1610. 

[Laparoscopic and left thoracoscopic Collis-Nissen procedure: technique and short term results].
Mattioli S, Lugaresi ML, Di Simone MP, D'Ovidio F, Pilotti V, Ruffato A.
Chir Ital. 2005 Mar-Apr;57(2):183-91. Italian. 

The surgical treatment of the intrathoracic migration of the gastro-oesophageal junction and of short oesophagus in gastro-oesophageal reflux disease.
Mattioli S, Lugaresi ML, Di Simone MP, D'Ovidio F, Pilotti V, Bassi F, Brusori S, Gavelli G.
Eur J Cardiothorac Surg. 2004 Jun;25(6):1079-88.

Hiatus hernia and intrathoracic migration of esophagogastric junction in gastroesophageal reflux disease.
Mattioli S, D'Ovidio F, Pilotti V, Di Simone MP, Lugaresi ML, Bassi F, Brusori S.
Dig Dis Sci. 2003 Sep;48(9):1823-31.

Review article: indications for anti-reflux surgery in gastro-oesophageal reflux disease.
Mattioli S, Lugaresi ML, Pierluigi M, Di Simone MP, D'Ovidio F.
Aliment Pharmacol Ther. 2003 Jun;17 Suppl 2:60-7. Review.

Radiological examinations in the morpho-functional evaluation of the esophago-gastric junction in gastro-esophageal reflux disease.
Brusori S, Mattioli S, Bassi F, Bnà C, Di Simone MP, Lugaresi ML, D'Ovidio F, Gavelli G.
Radiol Med. 2002 Nov-Dec;104(5-6):385-93. English, Italian. 

Clinical and surgical relevance of the progressive phases of intrathoracic migration of the gastroesophageal junction in gastroesophageal reflux disease.
Mattioli S, D'Ovidio F, Di Simone MP, Bassi F, Brusori S, Pilotti V, Felice V, Ferruzzi L, Guernelli N.
J Thorac Cardiovasc Surg. 1998 Aug;116(2):267-75.

Duodenogastric and non acid gastro-oesophageal reflux in patients with reflux oesophagitis.
Mattioli S, Felice V, Pastina M, Pilotti V, D'Ovidio F, Bacchi ML, Gozzetti G.
Hepatogastroenterology. 1995 Jul-Aug;42(4):360-6.

Endoscopy versus endoscopic ultrasonography in staging reflux esophagitis.
Caletti GC, Ferrari A, Mattioli S, Zannoli R, Di Simone MP, Bocus P, Gozzetti G, Barbara L.
Endoscopy. 1994 Nov;26(9):794-7.

[The laparoscopic treatment of functional esophageal diseases. Preliminary experience with Nissen's intervention and Heller-Dor's intervention].
Gozzetti G, Mattioli S, Di Simone MP.
Minerva Chir. 1994 Oct;49(10 Suppl 1):37-42. Italian. 

[Definition of a normal tracing in pH monitoring].
Mattioli S, Felice V, Pilotti V, Bacchi ML, Di Simone MP, Pàstina M, Gozzetti G.
Minerva Chir. 1991 Apr 15;46(7 Suppl):93-101. Italian. 

Ambulatory 24-hr pH monitoring of esophagus, fundus, and antrum. A new technique for simultaneous study of gastroesophageal and duodenogastric reflux.
Mattioli S, Pilotti V, Felice V, Lazzari A, Zannoli R, Bacchi ML, Loria P, Tripodi A, Gozzetti G.
Dig Dis Sci. 1990 Aug;35(8):929-38.

Reliability of 24-hour home esophageal pH monitoring in diagnosis of gastroesophageal reflux.
Mattioli S, Pilotti V, Spangaro M, Grigioni WF, Zannoli R, Felice V, Conci A, Gozzetti G.
Dig Dis Sci. 1989 Jan;34(1):71-8.

Pathophysiology and natural history of acquired short esophagus.
Gozzetti G, Pilotti V, Spangaro M, Bassi F, Grigioni W, Carulli N, Loria P, Felice V, Lerro F, Mattioli S.
Surgery. 1987 Sep;102(3):507-14.

[Diagnosis of chronic reflux esophagitis. Role of endoscopic and histological examination].
Bortolotti M, Mattioli S, Baldi F, Biasco G, Bassi F, Bragaglia RB, Cunsolo A, Di Febo G, Sansone G, Sanavio G.
Minerva Med. 1979 Feb 4;70(6):465-71. Italian. 

[Study of gastro-esophageal reflux by means of spot-fluorography alone and associated with manometry and pH measurement ].
Bassi F, Bortolotti M, Bragaglia R, Cunsolo A, Sanavio C, Guernelli N, Sansone G, Mattioli S, Brusori G, Possati L, Labo G.
Radiol Med. 1978 May;64(5):601-3. Italian. No abstract available. 

[Comparative evaluation of the anti-reflux effectiveness of several surgical operations for hiatal gastric hernia. Clinical, radiological, pH-metric and manometric study].
Bortolotti M, Cunsolo A, Bassi F, Sanavio C, Sansone G, Mattioli S, Bragaglia RB, Guernelli P, Canelli P, Campanelli AR, Possati L, Labò G.
Minerva Dietol Gastroenterol. 1977 Oct-Dec;23(4):271-84. Italian. No abstract available.